Advertisement

As Rosas Não Falam (Italian translation)

Advertisement
Italian translation

Le rose non parlano

Un'altra volta
Il mio cuore batte, pieno di speranze
Perché l'estate sta già finendo
Finalmente...
Torno al giardino
Con la certezza di dover piangere
Perché so bene che non vuoi tornare
Da me...
Mi lamento con le rose
Ma che stronzata
Le rose non parlano
Le rose, semplicemente, esalano
Il profumo che ti rubano, ah...
Dovresti venire
Per vedere i miei occhi tristi
E, forse, i miei sogni erano i tuoi
Alla fine...
 
Translation done by Alma Barroca. In case you want to reprint it, please ask for permission first and always cite my name as its author. /
Tradução feita por Alma Barroca. Caso você queira reutilizá-la, por favor peça por permissão antes e sempre cite meu nome como o do autor.
Submitted by Alma Barroca on Sun, 22/07/2018 - 23:08
Last edited by Alma Barroca on Tue, 24/07/2018 - 23:59
Author's comments:

Grazie mille a DarkJoshua per darmi suggestioni di miglioramenti.

Portuguese

As Rosas Não Falam

More translations of "As Rosas Não Falam"
Collections with "As Rosas Não Falam"
Vanessa da Mata: Top 3
See also
Comments
DarkJoshua    Sun, 22/07/2018 - 23:59

Ehi, che bella canzone. La traduzione è buona, ma presenta vari errori:
- "È già finendo" -> "sta già finendo" il progressivo si forma con stare+ gerundio.

- Premettendo che la combinazione "di che" in una relativa, in italiano, non esiste, la frase "Torno al giardino/ Con la certezza di che devo piangere" può essere corretta in due modi:
"Torno al giardino/ Con la certezza di dover piangere" (di+ infinito si usa quando la persona e il tempo son gli stessi. In questo caso "torno" e "devo" sono entrambi alla prima persona singolare presente)
oppure
"Torno al giardino/ Con la certezza che devo piangere" (col normale pronome relativo "che")

- La preposizione "a" esprime un movimento verso qualcosa, una destinazione (vado casa, al supermercato, Parigi, ecc.), ma con le persone si usa "da" (vado da Mario, dal panettiere, da(lla) nonna, ecc.). Perciò è meglio cambiare quel "tornare/ A me" con "tornare/ Da me".
​​​

- "Mi lamento alle rose"-> "Mi lamento con le rose". Il mio suggerimento suona più naturale, mentre la scelta originale è un po' troppo poetica. "A" è un'invocazione, perciò "lamentarsi alle rose" è come piangere di fronte a loro lamentandosi dei propri problemi e cercando di trovar pietà in loro. Una scena troppo struggente e drammatica per una semplice canzone.

- "che rubano di te"-> "che rubano da te" o meglio ancora "che ti rubano". Tutte e tre le opzioni sono corrette, ma con significati leggermente diversi:
"Di" indica possessione. "Rubare qqcs di qqcn" significa prendersi qualcosa che non ci appartiene (in questo caso lei si accorge che il profumo delle rose non è il loro)
"Da" indica separazione. "Rubare qqcs da qqcn" vuol dire appropriarsi di qualcosa (in questo caso il profumo non appartiene alle rose, ma loro lo fanno proprio)
"A" indica mancanza. "Rubare qqcs qqcn" è arrecargli un danno rubandogli qualcosa per avere un vantaggio (in questo caso rubare il profumo è positivo per le rose, ma negativo per la persona a cui l'hanno rubato)
Vedi cosa pensi ci stia meglio, contando che le tre espressioni pongono l'accento su tre cose diverse.

A presto.

Alma Barroca    Wed, 25/07/2018 - 00:03

Ciao, Joshua! Grazie mille per il tuo commento e le tue suggestioni. Ho provato a fare una traduzione di questa bellissima canzone brasiliana perché ha un testo semplice, senza modi di dire o vocabolario difficile di capire. Io ho appena fatto i cambi al testo. Anche ti ringrazio perché con il tuo feedback posso imparare più cose del tuo idioma.

Un forte abbraccio da Brasile, caro!